Seleziona una pagina

Dopo la Partenza della Carovana del Giro da Orbetello a Frascati, #Stage4 del Giro 102, il progetto Oltrepò in Giro | Armonie d’Oltrepò ha fatto tappa in una struttura d’eccellenza – La Capalbiola di Capalbio – che interpreta l’ospitalità toscana con grande attenzione per il Territorio, la Natura, i Prodotti della natura e … la Bicicletta.

Il progetto del Consorzio Oltrepò che sta girando l’Italia con il mezzo in Carovana pubblicitaria al Giro, è una delle azioni in collaborazione con Ersaf – Regione Lombardia, che coinvolge anche il Club del Buttafuoco Storico per promuovere il rilancio vitivinicolo e non solo di una delle aree coltivate a vite più importanti del nostro Paese.

Fra le iniziative collegate all’ #Oltrepòingiro anche una serie di degustazioni, la prima quella guidata dalla sommelier AIS Antonietta Mazzeo, delegata dell’Emilia Romagna dell’associazione Le Donne del Vino, che si è appunto potuta organizzare nella struttura Luxury Bike Hotels de La Capalbiola di Capalbio e ha visto un incontro di giornalisti, ristoratori, operatori turistici, tutti affascinati dalle Armonie d’Oltrepò da scoprire anche in un calice di vino. Trait d’union l’ospitalità e il turismo in bicicletta.

 L’incontro – degustazione guidata dal titolo QUANDO LA TOSCANA INCONTRA L’OLTREPÒ. IN GIRO! è stato dunque uno degli eventi abbinati al progetto Armonie d’Oltrepò Sponsor della Carovana del Giro102, in collaborazione con Consorzio Oltrepò – Club del Buttafuoco Storico – Ersaf – Regione Lombardia e ha visto anche la partecipazione di una campionessa di ciclismo con… gusto, come Silvia Parietti, livornese di Vada, che dopo essere stata un faro azzurro nel ciclismo su strada (ha vinto anche il titolo italiano) si sta dedicando al turismo in bici nella sua bella regione e non solo attraverso il progetto Tuscanylovebike. A condurre la degustazione su una strada non solo tecnica-sensoriale ma anche culturale, c’è stato poi il contributo di Gino Cervi, giornalista e scrittore, autore di una preziosa guida che propone proprio l’Oltrepò pavese con itinerari a piedi e in bicicletta con una particolare attenzione per l’enogastronomia. La guida, presentata da poco dal Touring Club, si intitola Oltrepò Pavese L’Appennino di Lombardia.

 La sommelier Antonietta Mazzeo ha illustrato sei etichette Oltrepò in sei tappe, raccontando così la storia e il futuro di un territorio da sempre vocato per il vino: dall’etichetta consortile Armonie d’Oltrepò (Oltrepò Spumante Metodo Classico DOCG a base Pinot Nero), all’Oltrepò Metodo Classico DOCG-Cruasè, a due Riesling in degustazione di cui uno bio, ed infine, Oltrepò Pinot Nero rosso  e Buttafuoco Storico 2013.

 Sei eccellenze dell’Oltrepò hanno anticipato un abbinamento gastronomico di grande pregio: il companatico del territorio toscano in questa degustazione di vini è stato proposto dalla cucina di casa de La Capalbiola, che dopo aver affettato il tipico Salame di Varzi, altra eccellenza dell’Oltrepò,  ha aperto le porte su alcuni piatti tipici, come la pappa al pomodoro, le frittate, i formaggi, pane e olio evo. Il prossimo appuntamento di Oltrepò in giro sarà il 27 maggio a Como con il coinvolgimento del Museo del Ghisallo di Magreglio e del Tour Operator specializzato Bike’n wine.